NEWS

 

19657213_1518877838152162_912402884595355965_n.jpg

 

Domenica 16 luglio 2017, Donna Bianca riapre e amplia il suo spazio espositivo, portando da due e cinque le sale dedicate alle mostre, ospitando fino al 3 settembre Nagla, rassegna dedicata alla pittura contemporanea. Massimo Dalla Pola, Samuel Mello, Massimo Pasca, Milena Sgambato e Agnese Skujina sono i cinque artisti invitati ad “abitare” le stanze e gli spazi dello storico palazzo a Specchia (LE).

Cinque artisti, cinque mostre personali, cinque stili profondamente diversi, si confrontano nelle stanze e negli spazi un tempo cuore della produzione agricola di Palazzo Coluccia, oggi b&b Donna Bianca.

Massimo Dalla Pola (Paint it black), tre anni dopo la personale Sotto i cieli d’Europa, ci propone un altro tipo di viaggio, attraverso il mondo, portandoci di fronte a luoghi e monumenti che sono simbolo della grandezza e dell’autoritarismo del potere, che sia politico o economico, ma al contempo anche della sua intrinseca caducità.

Una casa senza padrone, un regno senza re, un cane a più teste che lottano per una sola bistecca: questo è l’uomo protagonista dei lavori, su tela e su carta, di Samuel Mello (Cerbero). Un essere dai molteplici, nascosti e piccoli io che sono pronti, ad ogni sollecitazione esterna, in ogni istante, a prendere il controllo.

Un processo creativo ben visibile, anche a prodotto artistico finito, un segno istintivo, dionisiaco, apparentemente caotico, ma che attraverso una sorta di catarsi giunge sempre a una risoluzione, definiscono il mondo e le opere, in bilico tra pop art e fumetto, di Massimo Pasca (Una specie di manìa telestica).

Intime ma universali sono le figure femminili protagoniste dei lavori di Milena Sgambato (Feritoie), dai volti sfuggenti o addirittura invisibili, donne la cui quasi impercettibile essenza è subordinata alla loro semplice e innegabile presenza, che riusciamo a cogliere come se le stessimo spiando.

Agnese Skujina (Intorno al lago), infine, ci accompagna in un’anomala gita lacustre, attraverso una natura magmatica, a volte spettrale, che esprime la sua potenza primigenia attraverso un uso del colore che lascia intendere che quell’ “intorno” potrebbe essere anche un “sopra”, un “sotto”, un “dentro”, fino al punto da non comprendere se siamo noi a girare intorno allo specchio d’acqua o viceversa.

Questi i protagonisti di Nagla, parola léttone che significa “chiodo”, come i chiodi necessari a fissare le opere sulle pareti, ma soprattutto come le centinaia di chiodi che tempestano muri e volte, usati un tempo per l’essicazione del tabacco. Un passaggio fra passato, presente e futuro, una mutazione di funzionalità di un semplice, appuntito, strumento. Per queste ragioni nagla diventerà presto una realtà a sé stante, identificherà anche in futuro questi spazi e si prenderà cura delle attività espositive e culturali che vi avranno vita. Questo è solo il primo chiodo.

***

Massimo Dalla Pola nasce nel 1971. Nel 1996 si laurea in Storia dell’Arte. Dal 2002, anno della prima mostra da Luciano Inga-Pin, espone in spazi pubblici e gallerie in Italia e all’estero. Attualmente collabora con Roberta Lietti Arte Contemporanea (Como) e Circoloquadro (Milano). Nel 2017 è finalista del Premio Arte Laguna.

Samuel Mello nasce a Maglie (LE) nel 1995. Vive e lavora tra Castrignano dei Greci e Lecce. Formatosi come disegnatore, conosce e apprende tuttora le tecniche pittoriche interessandosi inoltre ad ogni mezzo che possa descrivere e completare il proprio immaginario.

Massimo Pasca è pittore, illustratore, live painter tra i più attivi in Italia. Ha illustrato il cd “Helldorado” dei Negrita e lavorato per numerose riviste, etichette discografiche, marchi e dipinto sul palco con alcuni dei maggiori gruppi musicali italiani. Una sua lunga intervista è presente nel libro “Keith Haring a Pisa – Cronaca di un murales”, edizioni ETS. Tra le varie pubblicazioni anche una tesi universitaria sul suo lavoro, discussa nel 2008 presso l’Università di Pisa. Ha esposto in Italia e all’estero, le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private.

Milena Sgambato, diplomata in Pittura all’Accademia di Brera, partecipa a numerose mostre collettive in spazi pubblici e privati e realizza personali in diverse città italiane. Nel 2011 è invitata al Padiglione Italia 54 Biennale di Venezia Regione Campania e ha vinto diversi premi di pittura. Quest’anno ha già avuto due mostre personali a Napoli con Galleria E23 con cui collabora e a Milano con Circoloquadro arte contemporanea.

Agnese Skujina nasce nel 1985 in Lettonia. All’età di 11 anni si iscrive alla Janis Rozentals Art School di Riga. In seguito si diploma all’Accademia di Belle Arti di Lettonia, Dipartimento di pittura figurativa, e successivamente, presso la medesima Accademia, consegue il Master in pittura monumentale. Dopo il diploma si trasferisce in Salento, dove vive e lavora. Ha al suo attivo diverse esposizioni, personali e collettive, sia in Italia che in Lettonia. In Italia ha esposto a Milano, Bologna, Verona, Parma, Carpi, Lecce.

***

nagla – five painting exhibitions
Massimo Dalla Pola, Samuel Mello, Massimo Pasca, Milena Sgambato, Agnese Skujina
A cura di Donato Viglione, con il contributo di Circoloquadro Arte Contemporanea (Milano)
Donna Bianca b&b (Palazzo Coluccia), via Matteotti 41, Specchia (LE)
Inaugurazione: domenica 16 luglio, dalle ore 18.30
In mostra: dal 17 luglio al 3 settembre 2017
Orari: tutti i giorni dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 18.30 alle 23.30 (ingresso libero)
Informazioni: tel: 327/3817220; email: donnabianca@outlook.it

Annunci